Tag

Valle d’Aosta

Browsing

Vivacità. Se dovessi descrivere Aosta con una sola parola, userei questa.

La cittadina di montagna, capoluogo della Regione più piccola d’Italia, è un’esplosione di vitalità e di gioia, soprattutto nei pomeriggi estivi.

Quando verrete a trascorrere qualche giorno in Valle d’Aosta, non trascurate una visita nel capoluogo: vi stupirà!

La Valle d’Aosta è stata la nostra piacevole scoperta estiva!
Era la prima volta in quella Regione e abbiamo deciso di passare una settimana, con l’intenzione di conoscerne un po’ delle meraviglie paesaggistiche, storiche e culturali.
Per quanto la Regione sia piccola, sette giorni naturalmente sono troppo pochi per vedere tutto, considerato quanto offre ai visitatori!

La Grande Montagna è sempre lì. Si fa vedere da ogni angolo, anche in lontananza.
Salire sul Monte Bianco è una tentazione irresistibile.
L’uomo da sempre ha desiderato andare su. In cima, per guardare oltre, per guardare giù, per vedersi più vicino al cielo.
E’ un richiamo irresistibile quello della montagna: superare i propri limiti, andare oltre le proprie possibilità.
Portare fin lassù una corda d’acciaio e costruirci una funivia. Una follia. Era il 1941, la prima volta.

Saint Rhemy è il primo borgo che i pellegrini incontravano, entrati in Italia.
E doveva essere un incontro che ridava luce ai sorrisi dei viandanti, visto che per arrivare fin qui era necessario attraversare il terribile Colle del Gran San Bernardo.
Da qui entra in Italia la Via Francigena: la strada che dalla Cattedrale londinese di Canterbury portava i pellegrini a Roma, attraversando la Francia e la Svizzera.

La storia di Siro è meravigliosa come il suo rifugio!
Siamo seduti su una delle panche del Rifugio Mont Fallere, quando Siro inizia a raccontarsi.
Siamo arrivati qui dopo due ore di camminata, a tratti semplice e dolce, a tratti arrancando in salita tra le pietre.
Il fatto è che quando si arriva ad un rifugio, lo sguardo si perde tra i picchi in lontananza e ogni sforzo viene ampiamente ripagato. Anche i più piccoli, riluttanti alle fatiche scelte per loro dai genitori, proprio non ce la fanno a protestare tanta è la meraviglia!